Immaginiamo i figli di Berlusconi… all’opposizione

27 maggio 2009

“Alle italiane e agli italiani vorrei rivolgere una semplice domanda: fareste educare i vostri figli da quest’uomo? Chi guida un paese ha il dovere di dare il buon esempio, di trasmettere valori positivi”

Dario Franceschini, segretario del PD, riferendosi al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Allora, proviamo ad immaginare i figli degli italiani affidati a Berlusconi. Oddio.

Per esempio, i maschi non possono superare i 160 centimetri di altezza, altrimenti il ‘papi’ è costretto a farsi fare tacchi più alti. I capelli, poi, rigorosamente rasati, non per cameratismo, né per particolari esigenze igieniche, ma per non attirare la Sua di invidia. Le donne, invece, potranno indossare al massimo la taglia 42, e seno rifatto (offre lui, non preoccupatevi) dopo il primo ciclo mestruale, vi chiederete perché così presto… be’ a 18 anni saranno già pronte per la pensione!

Certo, sono stata cattiva, e a volte mi dico: prima o poi qualcuno mi “bacchetterà” per queste mie insolenze. Però, io che non sono giornalista, né donna di troppo intelletto, posso solo permettermi di esprimere idee balorde su questo omino basso, pelato, egocentrico, vanitoso e megalomane che guida il mio paese. Il NOSTRO paese.

Troppe volte, infatti, dimentichiamo una cosa essenziale: Berlusconi non è presidente solo di chi l’ha votato, ma anche di chi come me, e come tante altre persone, hanno espresso (e continuano a farlo) idee diverse. Insomma, il capo del governo dovrebbe rappresentare una sorta di “padre” (non ‘papi’), inteso come guida, e non solo rappresentante del suo elettorato. Certo, ha ricevuto un mandato da una parte cospicua degli italiani, ma le democrazie si distinguono dai totalitarismi per il rispetto del dissenso. I totalitarismi (regimi come quello di Teheran o di Pechino in cui ci sono elezioni ma l’unica forma di opinione pubblica è filogovernativa) sono fatte di monologhi, le democrazie, invece, sono dialogiche. E in quanto tali, non possono avere una voce sola.

Per esempio, immaginate un film: per due ore un unico protagonista che racconta una sola storia, un’inquadratura fissa e nemmeno un commento musicale. Dopo quanto tempo vi annoiereste? 10, 15 minuti? Forse anche di meno.

Non a caso gli antichi greci oltre alla democrazia, inventarono il teatro!

Chiudo, citando un uomo che a me non piace, non è mai piaciuto e che, più di ogni altra cosa, reputo uno dei maggiori responsabili della debachle (non solo elettorale) del PD, Walter Veltroni:

“In tutti i paesi al mondo c’è un governo, ma solo nelle democrazie c’è anche l’opposizione!”

(chiedo venia se non sono le parole esatte, ma mi fa fatica andare a ripescare il discorso al Circo Massimo che Veltroni tenne l’estate scorsa…)

Annunci

2 Risposte to “Immaginiamo i figli di Berlusconi… all’opposizione”

  1. elena Says:

    ci vorrebbe Troisi!
    ma lo scenario non è fantapolitico: Brunetta c’è già. La Carfagna anche… oddiooddiooddio

    su una sola cosa non concordo: il premier non deve essere un “padre”. però dovrebbe essere civile…

  2. lamile Says:

    io non credo alle figure genitoriali in politica, ma padre nel senso di guida sì!
    nel senso di esempio, come dice franceschini.
    e come padre deve ascoltare anche chi non la pensa come lui… sono concetti vecchi come il mondo, su cui si basano le società, a partire dall’antico testamento… lo so che non ti piacciono certi paragoni, però, se escludiamo l’elemento strettamente religioso, la bibbia racconta come si sono formate le società (quanto meno quelle mediterranee), e la guida era anche il padre…
    mah, sarà il caldo, ma mi sento quasi apocrifa 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: